Locali & commerciale

Il rivestimento in resina per pavimenti, pareti, complementi di arredo, mobili,  rappresenta una soluzione gettata in opera cioè non pre-realizzata come nel caso dei pavimenti in ceramica, monocottura, moquettes, pvc, laminati o parquet.
Modellare una pavimentazione significa per certi versi personalizzarla rispetto a quelle che sono le esigenze e le caratteristiche nel luogo in cui la si posa facendo si che non esista un pavimento in resina identico ad un altro.
Le resine applicate a pavimentazioni e pareti evitano le fasi di demolizione e permettono il recupero di strutture commerciali e civili in un modello di “Interior design” ideato per essere alla moda ma anche pratico e resistente nel tempo.
Scegliere un pavimento in resina significa intraprendere un percorso progettuale che porta alla realizzazione di una soluzione unica ed irripetibile, dovuta al processo applicativo operato dall’applicatore ed alle esigenze estetiche e prestazionali richieste. Nati per un uso prettamente industriale, i rivestimenti in resina sono divenuti una soluzione adatta a pavimentare locali pubblici, centri commerciali, aree residenziali, sale convegno, palestre, campi sportivi, negozi, alberghi, ristoranti, metropolitane, aeroporti, università, ospedali e non per ultimo le abitazioni civili.

Rappresentano non solo praticità ma anche risparmio, l’apparente alto prezzo iniziale viene infatti rapidamente ammortizzato grazie ai notevoli vantaggi prestazionali.
Il punto critico è l’applicazione o meglio l'applicatore. Contrariamente al caso dei pavimenti finiti, come per esempio le piastrelle,dove l’applicatore deve
essere bravo per posare una resina questo requisito da solo non è sufficiente.

Lo staff che posa una resina deve essere in unico, tecnico, chimico ed esperto applicatore, deve inquadrare esattamente la condizione di posa ed il relativo supporto, deve conoscere perfettamente il prodotto da posare i suoi limiti e le performance possibili.
Che sia verniciato, spatolato, autolivellante, multistrato o corazzato, che sia colorato, riflettente a specchio o opaco come il cemento una pavimentazione in resina va sempre progettata e non solo posata, solo allora la soluzione può diventare anche una opera d’arte da vivere nella sua unicità.

A differenze di altre tipologie, il pavimento in resina può essere installato senza che debba essere rimosso quello esistente venendo meno quindi i disagi di polvere e calcinacci e, le rilevanti spese di demolizione e smaltimento.
Monolitico e estremamente sottile senza soluzione di continuità non obbliga al taglio di porte e portefinestre inserendosi nelle quote esistenti.

Se correttamente posati non necessitano di rinnovo se non dopo almeno 8-10 anni analogamente ai pavimenti in legno. Sono una soluzione assolutamente igienica, senza giunti e/o fughe (accumulo di sporcizia) offrono una ottima protezione contro muffe, umidità e agenti batterici, semplificano le fasi di pulizia. Sono inodori, atossici e non presentano emissioni nocive. Realizzabili in innumerevoli varianti, infinite soluzioni cromatiche e di trama, consentono di realizzare ogni genere di ambientazione classica e moderna o personalizzabili secondo i propri gusti o il tipo di arredamento. In un pavimento in resina è possibile inserire sotto l’ultimo strato trasparente elementi decorativi e mosaici personalizzanti o disegnare qualsiasi cosa.

Un rivestimento in resina è applicabile non solo a pavimento ma anche a parete o su elementi di arredo in muratura intonacata o calcestruzzo, può essere rinnovato facilmente nella parte/superficie di usura esterna qualora subisca danni.

I rivestimenti in resina sono idrorepellenti ed oleorepellenti o totalmente impermeabile adatti anche per cucine e bagni o per il box doccia oppure, traspiranti con struttura molecolare aperta per permettere il passaggio del vapore acqueo.
Il basso spessore, l’alta conducibilità termica e la sua elasticità garantiscono piena compatibilità con la presenza di sistemi radianti a pavimento, non generano fessurazioni a causa di sbalzi termici. Le finiture trasparenti protettive permettono di ricreare superfici con diverso grado di brillantezza, da lucido ad opaco, con un grado che copre un ampio spettro della scala Gloss (da 2% a 98%)  Resistenza al fuoco, la maggior parte delle resine è in classe 1

I rivestimenti in resina sono come visto soggetti ad usura e invecchiamento, possono graffiarsi ed essere vulnerabili a fenomeni di umidità di risalita, anche se in alcuni casi i segni del tempo aumentano il fascino dando un aspetto vissuto, creando un effetto di degrado vintage.
I segni del tempo sono più evidenti su pavimenti cromaticamente uniformi e lucidi a differenza di quanto accade, ad esempio per un pavimento spatolato e opaco.

 

resine_cemento 039 resine_cemento 038 resine_cemento 037 resine_cemento 034 resine_cemento 004 resina (1) IMG00272-20140225-0936 giugno 042 aprile 009 0_nov_perla2 0_lame 0_resine_studiovenz

Contatti | Terms of Use | Disclaimer | Privacy